19 febbraio 2011

Orrido



Cosa ci sarà di tanto terrificante nel giro dell'Orrido fatto in MTB a febbraio? Secondo me niente, anzi a vedere dalle FOTOGRAFIE direi che è stato molto bello. Io ho perso gli occhiali e Taz ha spezzato il forcellino del cambio, ma ci sono state anche opinioni favorevolissime. Rosario, nella foto a fianco scattata durante il percorso,  mi è parso da subito estasiato di quest'avventura, direi che è rimasto sorpreso dal nostro modo particolarmente curato nell'aver scelto un percorso adatto a chi da mesi non pedalava. Una salita dolce, immersa nella natura, così piacevole col contrasto tra il torpore del sole e la freschezza dell'aria di montagna. Per non parlare della discesa, di una fluidità mai vista e nemmeno troppo pericolosa. Un bel giro, divertente a tratti riposante, vero?

Le foto

26 commenti:

  1. Di solito non vedo l'ora, dopo un giro di vedere il video. Quest'oggi non vedevo l'ora di leggere il post di David. L'attesa per altro breve non ha deluso le aspettative: GENIALMENTE ESILERANTE!

    RispondiElimina
  2. Da quello che leggo il giro di "ORRIDO" rimane un tabù per noi bikers.....almeno avete mangiato bene????

    RispondiElimina
  3. Ricetta per l'Orrido di botri in MTB

    Quantitativi per un gruppo di bikers, facciamo 9.

    n.9 bici leggere o pesanti a piacere;

    60kg di resistenza per fare la salita, 20kg per quella asfaltata e 40kg per quella a spinta sulla neve;

    una maglietta a maniche corte;

    maglie a maniche lunghe a piacere;

    calzini e scarpe idrorepellenti e corazzate per il freddo;

    un pizzico di avventura;

    uno zaino di di incoscienza per la discesa;

    un forcellino specialized;

    occhialini di scorta;

    13€ per il pranzo;

    quando avete tutto, mescolate gli ingredienti, cucinate dalle 8.00 alle 17.00, se avete preparato bene secondo la ricetta il risultato è una teglia di stanchezza, un po' di felicità per essere tornati a casa e un bel ricordo dell'Orrido di Botri.

    RispondiElimina
  4. Dimenticavo:

    Una spolveratina di neve prima di servire :D

    RispondiElimina
  5. Continuo decisamente a preferire la neve sulle piste da sci o al limite in un piazzale per farci 2 freni a mano!..
    In ogni caso a tratti mi sono anche divertito, la discesa, esclusa la prima parte con neve e burroni veramente pericolosi, dava una certa soddisfazione agli amanti dei single track impegnativi e dei passaggi tecnici su roccioni spaccagomme. Percorso per i passionisti del fondo "a sorpresa" quello ricoperto di foglie che nasconde insidie di ogni genere tipo il bel tronchetto che mi ha sminchiato il forcellino del cambio (fortunatamente da li in poi era solo discesa...) menomale avevo Stembi a farmi da apripista, forse erroneamente mi faceva sentire + tranquillo pensando che se stava in piedi lui su quel fondo con chissàcchè sotto avrei potuto farlo anch'io...
    Alla fine, anche se non era la mia giornata (forcellino spezzato, collarino reggisella quasi-sminchiato, sella appena comprata su cui per il momento sto forse peggio che sulla vecchia e gambe che non andavano fin dall'inizio) mi sono cmq divertito merito naturalmente della solita bella compagnia con l'aggiunta di personaggi storici assenti negli ultimi tempi ma sempre ben accetti...

    RispondiElimina
  6. ...siete matti da legare!!

    RispondiElimina
  7. Anch'io mi aggiungo alle vittime dell'Orrido! A casa ho scoperto di avere ben 3 raggi spezzati.

    Per il fine settimana io e forse anche Roster possiamo di Domenica. Per l'occasione (non mi tirate) avrei ritracciato Halloween II con una salita già collaudata e una variante in discesa. Il nome può restare perchè si parcheggia al cimitero e comunque si gira intorno
    al tratto \/\/\/\

    RispondiElimina
  8. Mamma mia che paura a rivedere quei burroni!!

    RispondiElimina
  9. io sono la terza vittima dell'orrido, ho il trauma da dirupo: la notte sogno di avere dietro stembi indiavolato che mi incita ripetutamente (vai, vai, non frenare, vai di piùùùùù), per compiacerlo e meritarmi la sua stima mi butto a capofitto tra le rocce oltre le mie (modeste) possibilità, ma scivolo nel precipizio senza pettorina e la bici attaccata ai piedi, rotolo giù per decine e decine di metri tra alberi e carogne di altri ciclisti dispersi... poi mi sveglio all'improvviso stanco morto, tutto sudato, con i piedi congelati, le gambe di legno, 13 euro in meno nel portafoglio e un succhiotto sulla fronte... e mi dico: ma avrò sognato?! Ah poi ho rotto anche un paraolio (spero solo quello) e l'urlo di munch rappresenta bene il mio stato d'animo quando attraversavo le rocce bagnate, sospese sul dirupo, con le scarpe da estate con la suola in plastica e la paura di essere abbandonato!

    RispondiElimina
  10. :-SS il video fa un po' impressione...

    RispondiElimina
  11. Eccomi, arrivo anch'io sono riuscito a capire +- il blog! Intanto posso dire di andare sul "sicuro" con voi, le uscite sono da pazzi da legare e fortunatamente ogni tanto mi sciolgono..... per me giro ad hoc, giusta fatica e speciale premio discesa finale, ma mi preoccupa un pò vedervi spostare man mano con i mezzi verso il "solo discesa". non è che le prossime uscite le organizzate tutte uso bike park?!?! faticare ragazzi, faticare x poi sorridere a 32 denti (cavolo come i raggi della bici, sarà un caso?) grazie ai cineasti

    RispondiElimina
  12. Un benvenuto a Mario nel nostro blog.

    Rosario! Almeno in sogno potevi andare più forte, ti vedevo bene a scendere tra rocce e burroni, sprezzante del pericolo, della paura, della fatica, del freddo, della fame, del paraolio.

    RispondiElimina
  13. Ciao Mario! un altro spericolato si aggrega al gruppo ed al blog!
    Ma uno cauto e timoroso che mi faccia compagnia in fondo al gruppo non lo troviamo mai?! ho notato che anche stallo tende ad abbandonarmi...

    RispondiElimina
  14. filippo abbiamo fatto tutta la salita e tutto il pezzo con la neve e lo strapiombo insieme sloi sloi io e te. Mi sono scapicollato solo alla fine quando riccardo si è messo chiudipista. Ti ho lasciato in mani buoni con uno prudente. Benvenuto Mario!

    RispondiElimina
  15. Ciao MARIO! No non ti preoccupare, stiamo allestendo le bici per scendere meglio ma, allo stesso tempo, cerchiamo di rimare ad un peso ragione per salire, la discesa è più bella quando viene conquistata!! ;)

    Rosario mi fai scompisciare dalle risate =)) per due o tre burroni, cosa sarà mai!

    P.S. Io ho sempre da controllare i danni... speriamo in bene [-o<

    RispondiElimina
  16. Stupendi gli slow motion!

    Qualcuno zitto zitto fà i preventivi per un'altra SX TRAIL: ma chi potrebbe essere????????

    RispondiElimina
  17. o giovinotti , vedo che il gruppo si allarga , benvenuto mario , ma chi sarà che fa i preventivi ma booooo .

    RispondiElimina
  18. Ieri sera ho ritirato la mia bike da taddeo e alla mia domanda:
    Senti ma se comprassi una sx quanto mi valuti la mia?????
    Bah che dire.....non più di mille euro....
    E quanto sconto mi fai sulla nuova????
    Prezzo pieno, considera che ti ritiro la tua!!!!!!!!

    UFFICIALMENTE DA OGGI PROVERO' A VENDERE LA MIA BIKE VIA ETERE......MAGARI NO A 1000 EURI

    RispondiElimina
  19. Quelli che sono rimasti meno infreddoliti e scioccati dal giro dell'Orrido, quindi più attenti, avranno notato che il blog col trascorrere del tempo si è modificato.
    Adesso è un sito vero e proprio, contenente diverse pagine.
    Nuove gallerie fotografiche, spero più belle e soprattutto hanno il link che torna al blog stesso.
    Poi ci sono le tracce GPS, i video ecc.
    Adesso non rimane che postare e commentare a volontà, intraprendere nuove avventure e documentarle.

    Alcuni miei amici, che non commentano il blog ma ammirano estasiati foto e video, stanno apprezzando le nostre attività, senza tuttavia voler partecipare.
    Questo si spiega poiché ritengono che andare sbracciati in bici sulla neve caracollando sul baratro di burroni e dirupi sia bello a vedersi ma meno a farsi.
    Era per dire che ci hanno dato dei "cretini", ma in senso buono :))

    RispondiElimina
  20. !!!! QUANTI DI VOI SANNO DI ESSERE VIVI ????

    JIM MORRISON

    RispondiElimina
  21. Io so di essere vivo ogni volta che sbatto il grugno in terra cadendo dalla MTB, so anche che non sono invulnerabile. Sabato invece sapevo per certo che avevo i piedi congelati e quasi morti.

    RispondiElimina
  22. Oooh bimbi 'ome vu sete filosofi! Ma ir cunigliolo un vi garba! Un centra nulla ma ci stav bene :D

    P.S. x Stembi, cavolo hai proprio voglia di lavorare in questi ultimi giorni... ti ammiro perchè so quanto ci vuole a riformattare tutto! ^:)^

    RispondiElimina
  23. Ciao,
    Avrei intenzione di fare questo giro nel prox lungo w.e., due domande:
    1) parlando con un collega mi diceva che servono dei permessi (lui parlava di forre) per salire su perché è riserva, in bici si può salire e scendere senza problemi?
    2) sono suggerite le rotezioni?

    grazie

    -marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco,
      Sono più di 5 anni da quando abbiamo fatto il giro dell'Orrido di Botri, che ricordi, soprattutto per la neve e il freddo. 😁
      Ma rispondo alle tue domande :
      1. Il tuo collega ha ragione, ci vuole il permesso per visitare l'Orrido di Botri, ed una guida, ma il nostro giro é nei pressi del canyon e non nel canyon, infatti l'Orrido nemmeno si vede.
      2. Si può fare senza protezioni é più una girata che un giro per discese e adrenalina

      Altro non so dirti, è passato troppo tempo 😥

      Elimina
    2. alla fine dopo un mese di stop forzato Sabato scorso sono stato all'Orrido... giro fantastico dal punto di vista paesaggio. La quantità d'acqua a terra è stato un problema, ho perso il conto dei guadi fatti, in un paio ci sono finito dentro e alla fine ho sbagliato strada e sono sceso alla base dei tornanti. Una buona scusa per tornare quando il tempo è più clemente.

      -marco

      Elimina
  24. ciao David,
    innanzi tutto grazie per le risposte, due ginocchiere legere le butto dentro lo zaino.
    Nel caso allora ti faccio sapere.

    grazie

    -marco

    RispondiElimina

Per contattarci lasciate un commento al post, usate il modulo dei contatti, la posta elettronica, Instagram, Twitter, Tumblr o Facebook.