10 aprile 2012

La Tecnica secondo Stembi: guida sul bagnato

In questi giorni vi avranno fatto ridondare nelle orecchie il proverbio: “TERZO APRILANTE, QUARANTA DI' DURANTE” ovvero quando arriviamo al tre di aprile la tradizione popolare vuole che il meteo di questo giorno si ripeta per quaranta giorni.
La casistica dei tempi che furono pare che ci stia andando molto vicino e le previsioni meteo, anche le più moderne, mettono acqua per parecchi giorni avvenire.
Speriamo che sabato 21 in Liguria faccia eccezione.




Ai praticanti e amanti della MTB e del freeride l’acqua fa un baffo, notoriamente siamo più sensibili alle lusinghe dell’alcol. Tuttavia se vai in mountainbike l’acqua che viene giù dal cielo te la becchi o comunque ti devi sorbire una bella dose di mota sui trails(a). Molti di voi con l’umido sulla testa e sotto le ruote non vanno troppo d’accordo e la guida della vostra bike(b) ne risente.
Per forza di cose sul bagnato si guida in modo molto diverso che sui single track(c) asciutti e spesso si nota proprio in queste condizioni chi ha più manico o più incoscienza.
Per divertirsi sul bagnato come in tutte le condizioni di scarsa aderenza vi scrivo questo post illuminante che nei prossimi giorni troverete utilissimo.






  1. se diluvia state a casa, ricordatevi che il codardo  e il vigliacco non fanno altro che crearsi nuove opportunità di combattere invece di morire subito da eroi.
  2. l’impermeabile va sempre portato, ovviamente è difficilissimo sapere quando va indossato, infatti per indossarlo dobbiamo decidere se bagnarci per la pioggia oppure per il sudore che produciamo sotto il nylon del kway. Nel dubbio è meglio la pioggia, almeno lava e non puzza
  3. occhiali e maschera vanno sempre indossati con pioggia e mota, se siete stati accecati dal fango tutta la vostra tecnica di guida non serve a niente
  4. gli pneumatici(d) della vostra mountainbike devono avere i tasselli più grossi e lunghi ma anche ben più distanziati del normale in modo che possano espellere il fango che si accumula sulle ruote. Questo tipo di coperture sono sconsigliate a chi ama la scorrevolezza
  5. se trovate una passerella di legno, un north shore(e) o un ponticino umido diffidate da percorrerlo con la MTB e se lo fate andate sempre dritti, intimoriti e senza movimenti bruschi. Il legno bagnato ha la proprietà di telestrasportarvi istantaneamente la clavicola in terra
  6. se piove evitate i rock garden(f), se siete prudenti evitateli anche col sole
  7. sdrucciolevoli ed infimi sono gli aggettivi per pietre e radici lungo il sentiero e vanno evitati o presi dritti e senza curve o scatti improvvisi confidando nella sorte e nelle capacità di assorbimento degli urti del casco
  8. la guida incarognita ed aggressiva non si confa all’umido dei boschi, ai sentieri motosi, alle pietre sguscevoli, alle radici viscide e alla vostra salute. La tecnica giusta è quella fluida, delicata e soave. Gli appoggi servono più qui che sull’asciutto e la testa alta per vedere ed anticipare le traiettorie, o evitare i pericoli, deve essere un dovere più che un vezzo. L’inidpendenza tra corpo e bici allo scopo di ottenere il miglior bilanciamento uomo-mezzo è preferibile alla postura rigida telaio-su-telaio(g), affidatevi a movimenti sciolti e controllati dove gestite equilibrio e baricentro per una guida consapevole dove voi pilotate la vostra MTB e non il contrario
  9. il freddo, l’umido e l’insidie dei percorsi bagnati si combattono con l’alcol, da briai sembra tutto più facile
  10. se avete portato l’impermeabile sudandoci tutto il giorno dentro, se avete pedalato sotto l’acqua e siete zuppi, se i vostri sentieri erano paludosi e siete diventati un mostro di fango, se guidando fluidi e leggeri non vi siete fatti niente e la giornata è finita a casa invece che al pronto soccorso allora rimane un ultima cosa da fare: il bagno, sia per voi che per la mountainbike che vi ha accompagnato durante tutta l’escursione. Dopo il bagno come voi vi asciugate, va asciugata lei e come voi vi profumate così lei va lubrificata.(i)


Glossario per i meno trendy e affini al freeride:
a. sentiero
b. bicicletta
c. vedi a.
d. fascioni
e. passerella di legno
f. descrive un area piena zeppa di pietre e massi
g. postura rigida, fa si che il corpo del biker(h) sia tutt'uno con la bicicletta
h. ciclista
i. par condicio uomo-mezzo

18 commenti:

  1. sto provando un misto di ilarità per il post, esaltazione per tutti questi termini tecnici che fanno sembrare tutto bello e timore per per quello che quei termini tecnici definiscono uniti a fango e umido...

    RispondiElimina
  2. Viste le previsioni e propongo per sabato uno zampirone + secco/mclod + tratto nuovo
    tutto pedalato da Calci
    o un'Accinson 2009 con salita inedita

    RispondiElimina
  3. Post esagerato! Questo forse li batte tutti...

    Siamo a dei livelli tali che la raccolta de "La Tecnica secondo Stembi" andrebbe proposta a qualche casa editrice! Favolosa...

    Tanto per rimanere in tema di cose esagerate l'avete visto questo video pubblicato pochi giorni fa su MTB-Forum?

    https://vimeo.com/39249381

    Gran parte del merito va SICURAMENTE alla bici utilizzata... ma una "piccola" parte è dovuta ad una CERTA abilità del regista e dei mezzi tecnologici di cui dispone... Comunque da vedere assolutamente, fatto benissimo!

    Simpatico il finale...

    RispondiElimina
  4. Bravo Taz, il filmato lo avevo già visto e come te penso sia piuttosto bello e simpatico. Adesso che mi ci fai pensare un rubrica sui filmati andrebbe fatta.....e si farà.

    Grazie per i complimenti, è bello constatare come sia facile abituarsi alle lodi, anzi puoi continuare se vuoi

    RispondiElimina
  5. Taz hai visto cosa si può fare con le nostre bici!! Io sono già in grado di passarti sulla schiena con la bici, per le altre cose necessito di un'altra po' di pratica! :-)

    RispondiElimina
  6. Ste' sappiamo che ti sei abituato ai complimenti ma sono tutti meritati e li barattiamo volentieri con i tuoi post!

    RispondiElimina
  7. buonasera a tutti , ragazzi per quanto riguarda callizano il 21 aprlile non posso venire , ho un imprevisto di lavoro .

    RispondiElimina
  8. Per quelli che domani vorrebbero farsi una pedalata, compreso me, c'è il dubbio maltempo.
    A dire il vero il dubbio non sta nel meteo, quello da chiaramente pioggia, quanto piuttosto la quantità di pioggia.
    L'altra settimana ce la siamo cavata con una pioggia leggera per una parte della mattina del sabato, i siti meteo dicevano 0.2/0.4mm di precipitazioni.
    Ahimè domani arrivano a dare 2 mm ed oltre di precipitazioni ininterrotte.
    Il mio timore è che domani saremo bagnati dall'inizio alla fine, ovvero da quando usciamo di casa a quando rientreremo.
    Sempre stando al meteo mette schiarite per la domenica pomeriggio ma già la mattina della domenica potrebbe essere più indicato per un giro. Per farla breve credo che domenica mattina sia meglio.

    Roveta.
    I maniaci della MTB visiteranno siti web e forum assiduamente come me. Come il sottoscritto avranno certamente visto il seguente filmato.

    http://video.mtb-forum.it/videos/view/2047

    Ebbene il filmato è stato ripreso su un nuovo sentiero del Roveta, sentiero che non abbiamo fatto e non conosciamo ma che varrebbe la pena inserire nel giro a noi noto. Preso dalla frenesia ho scritto all'autore del filmato che col suo gruppo hanno sistemato il sentiero del filmato ed altri tracciati. Purtroppo non ha una traccia tuttavia ci ha offerto di unirsi a loro per provarlo non appena il tempo si sarà rimesso e sponde e salti si saranno consolidati.

    RispondiElimina
  9. Ciao ragazzi, scusate se non mi sono fatto piu sentire ultimamente (tra le feste e lo studio non son piu montato in bici) . Spero presto di riuscire con voi! Speriamo anche che smetta di piovere! ma domani andate da qualche parte anche con l'acqua??? Guglielmo

    RispondiElimina
  10. Considerando anche le previsioni io opterei per un giro domenica pomeriggio.

    RispondiElimina
  11. Che sentono le mie orecchie!!! Non ci siamo mai preoccupati della pioggia... Ora vi fate tanti problemi... Pensate a quante volte l'anno scorso siamo usciti con il maltempo. Comunque io dovrei riuscire ad esserci per domani mattina, o comunque va bene anche domenica mattina. Ci aggiorniamo ciao, ciao.

    RispondiElimina
  12. Che sentono le mie orecchie!!! Non ci siamo mai preoccupati della pioggia... Ora vi fate tanti problemi... Pensate a quante volte l'anno scorso siamo usciti con il maltempo. Comunque io dovrei riuscire ad esserci per domani mattina, o comunque va bene anche domenica mattina. Ci aggiorniamo ciao, ciao.

    RispondiElimina
  13. se uscite domattina io ci sono.fatemi sapere

    RispondiElimina
  14. se pioviscola, spruzzola, pioviggina o altro ci sono pure io, se diluvia vi do buca. Ho anche la scusa buona...pranzo a Livorno

    RispondiElimina
  15. Ore 8 alla coop direzione Serra, sto facendo 3 tracce diverse poi decidiamo quale ci piace di +
    Se diluviasse io esco comunque direzione Montefalcone perchè poi domenica non posso. Per ora ho fatto Asciano3 e Zampiruka e lavoro alla terza, le trovate su gpsies

    RispondiElimina
  16. Ho fatto anche lo Zampitricella per sfruttare il percorso che inizia alla fine del secco

    RispondiElimina
  17. o giovinotti a callizzano ci sono ho rimandato l impegno . olè olè olè

    RispondiElimina
  18. Grande KIMBO! sono contento che sei dei nostri!

    RispondiElimina

Per contattarci lasciate un commento al post, usate il modulo dei contatti, la posta elettronica, Instagram, Twitter, Tumblr o Facebook.