26 maggio 2012

La Tecnica secondo Stembi: il tafano.

Arrivano i mesi caldi, le stagioni ideali per il mountain biking.
Arrivano le giornate più lunghe e più soleggiate.
Arrivano le escursioni che programmi e aspetti dall’inverno.
Insieme a tutto questo arrivano i tafani.

I tafani sono degli insetti, della famiglia dei ditteri noti per essere caratterialmente molesti, non bellissimi a vedersi mancando di quel fascino magnetico che ti fa innamorare della natura e delle sue creature.
Il tafano è ematofago, anzi la “tafana”, insomma le femmine del tafano ciucciano il sangue.
Per non fare troppo gli scientifici si può dire che il tafano è una specie di mosca leggermente più in carne dal corpo peloso, infatti è un insetto primitivo e non ha ancora scoperto i centri estetici, la ceretta o lo sbassamento. Il tafano non è un insetto schizzinoso infatti la bocca è perforante-succhiante nella femmina-ciuccia-sangue e succhiante non perforante nel maschio di tutte le specie e nelle femmine-non-ciuccia-sangue. In altre parole o ti ciucciano la pelle o te la perforano e ti ciucciano il sangue.

D’estate i sentieri di alta montagna mitigano gli attacchi del tafano, i bikers che pedalano intorno ai 1500 metri di quota ed oltre sudano meno e senza il fetido aroma di carogna morta addosso il tafano fatica ad individuare lo sportivo pedalatore.

Tipico trail dove i tafani vi attendono per un'agguato.

I luoghi prediletti del tafano sono le strade sterrate nelle zone collinari, meglio se lungo la costa o i litorali. In questi luoghi il tafano sa per certo che qualche rider vacanziero passerà per i single track che loro pattugliano. Già a distanza di centinaia di metri il tafano si accorge del sopraggiungere di quei disgraziati sudati e puzzolenti avvolti nei loro completi sintetici e madidi di liquidi corporei sotto la calura dei 40°C estivi. Una specie di banchetto nuziale per i tafani, che vi si gettano famelici e come durante i matrimoni mai in numero inferiore al centinaio poiché apprezzano i pasti in compagnia e i banchetti.

Come tutti i biker sanno per esperienza il tafano sa volare parecchio bene ed è in grado di coprire lunghe distanze seguendo il biker anche per tutta una marathon di 70km e 2000 metri di dislivello.
Il tafano raggiunge velocità considerevoli, fino a 10 km/h ti vola in torno e ti ciuccia allo stesso tempo. 
Da 10 a 20 km/h il tafano ti vola addosso e ti importuna ma non riesce a farsi il pasto tranquillo poichè l’andatura accelerata impedisce la nutrizione. 
Oltre i 20 km/h il tafano riesce a starti a ruota ma non ti da fastidio consapevole che primo o poi sarai soggiogato dalla fatica se sei in salita oppure attenderà paziente una tua eventuale caduta se sei in discesa a folle velocità nella speranza di seminarlo.
Il tafano non esce quando piove o fa freddo a causa della sua salute cagionevole e per l'insoergere di infiammazioni all'apparato respiratorio.

Clima anti-tafano...vorrei vedere!

Il tafano staziona nell’ambienti frequentati dalle loro vittime, luoghi come singletrack, trail dei bikepark, mulattiere, sentieri del Cai, rock-garden, gravity e jump park, boschi, foreste e campagne. Il tafano non fa distinzioni di disciplina e attacca tutti dal XC al DH. Il biker DH tuttavia è avvantaggiato, d’estate schiatta dal caldo a causa delle protezioni ma le protezioni hanno la seconda funzione di anti-tafano.

Abbigliamento in gomma anti-tafano ma ci si suda.

La guerra al tafano è spesso persa in partenza, eccettuata la pratica masochistica del bagno nel DDT o altri prodotti repellenti altamente tossici. Non c’è rimedio agli attacchi del tafano se non diventare bitumari o palestrati, il tafano come i mountain bikers sdegna l’asfalto e i luoghi chiusi. Una volta punti dalla tafana i rimedi conosciuti sono gli antistaminici, antifiammattori, prodotti specifici per le punture di insetto, imprecazioni e bestemmie.



4 commenti:

  1. Superlativo come sempre! Grazie per queste perle mai scontate e di fondamentale utilità!

    RispondiElimina
  2. c'è chi, preso da un raptus di follia, ha provato ad uccidere i tafani con il casco riuscendo, però, solamente a rompero il casco!
    I tafani sono forse peggio delle zanzare e di sicuro sono più brutti! e non si ha mai nemmeno la soddisfazione di ammazzarne uno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta uno l'ho fatto fuori...inghiottendolo, che schifo.

      Elimina
  3. ottima tecnica! e ottimo apporto energetico!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.