27 agosto 2012

Les Deux Alpes e non solo


Fine agosto è sinonimo di trasferta freeride e nel nostro caso Les 2 Alpes. Foga ed entusiasmo a livelli altissimi e pronti a partire ma - c'è sempre un ma in ogni storia - uno dei più entusiasti bikers del gruppo soffre di una rara e sconosciuta forma di dolore al gomito destro e quindi per colpa della sua vecchiaia e del beach volley, giusto per decretare due cause a caso, ci sfiniamo nell'attesa e nella voglia di farci qualche discesa.




Un paio di giorni e i guai fisici tornano nell'oblio da dove se ne sono venuti. Aspettare è stressante tuttavia abbiamo utilizzato il tempo per sistemare le nostre amate MTB.







Arriva il giorno agognato, dopo la colazione io e J.Rosa andiamo in Versilia per la partenza dove troviamo gli altri due bikers, Stallo e Taz.

Appena riuniti carichiamo la macchina e pranziamo prima di incamminarci per Les Deux Alpes, dove arriviamo per la cena.





Come avete capito le nostre trasferte sono scandite dai pasti.





Ci sistemiamo nel nostro alloggio e ceniamo a Le Cellier, posto ottimo sia per il cibo che per il vino e anche l'ambiente non è male.




Da buoni sportivi ordiniamo un insalata generosa.





Da buone forchette esageriamo con una bourguignon.





Per esser sicuri di star male ci diamo da fare anche con il vino e poi un bel dolce.





L'arredamento del ristorante ci ricorda che Les Deux Alpes è luogo di MTB ma anche di sci.






Prima di smaltire l'indigestione a letto decidiamo che una passeggiata notturna nella desolata cittadina montana non potrà che far bene in previsione delle fatiche del giorno successivo.





Devastati dagli stravizi della sera inizia la giornata freeride, bellissima, entusiasmante e faticosa visto che non smetteremo mai di scapicollarci.










Memori delle esagerazioni della sera prima, la seconda sera abbiamo optato per un lauto pasto ma senza distruggerci lo stomaco e per sicurezza abbiamo deciso di provare un nuovo sport...il bowling.
Beh sono più pipato per il freeride.



Il secondo giorno arriva l'imprevisto che non ti aspetti e che ti cambia la giornata. Gli impianti sono chiusi a causa del forte vento e con un lampo di genio, non mi ricordo di chi, decidiamo di andare a Salice d'Ulzio a provare il bike park che c'è lì e che è sulla strada di casa.





Arrivati a Salice scopriamo che il bike park merita la nostra attenzione. Zona tranquilla, montagne molto belle, impianti veloci dove gli addetti ti caricano e scaricano la bici sulla seggiovia e le piste...le piste sono più tecniche che a Les2Alpes però sono belle e tutte da guidare alcune addirittura molto lunghe.
















E poi c'è la 15 una pista tutta curve con appoggi e salti dove la velocità che si raggiunge è elevata pari al divertimento che si prova nel farla. Ahimé Salice è stata scoperta tardi e fino al prossimo anno vivremo con la voglia di tornarci...e di tornare a Les Deux Alpes.






Stallo non appare nelle foto, purtroppo è la fine che fa il fotografo, comunque lo ringrazio per la dedizione con cui in ogni momento si mette ad immortalare le scene più belle delle nostre escursioni. Anzi da oggi sei il nostro fotografo ufficiale. Visto che ti abbiamo trovato anche un lavoro!

9 commenti:

  1. è bello rivedere i posti dove mi sono ammalato e rivedermi ancora inconsapevole di quello che stava succedendo!
    La trasferta a Les Deux Alpes è stata veramente superlativa e meno male che avete insistito così tanto... effettivamente avevate ragione su tutto: le piste son belle e ti scapicolli finchè le gambe non ti diventano di legno (e forse anche oltre), si mangia bene fino a sentirsi male (cosa puntualmente successa) e ti dà una botta di adrenalina... bello! è un evento da non mancare e che non può mancare nel calendario iosonofreeride.
    Il nostro fotografo ufficiale poi ha fatto un capolavoro, complimenti... ovviamente con dei bei soggetti come noi il lavoro è stato abbastanza facile! Quando si fa la prossima uscita?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stavo per scrivere che devi avere più fiducia in noi e lasciarti trasportare di più da questo sport e dalle sue esagerazioni, ma sarebbero solo parole sprecate poiché lo stai già facendo.
      J.Rosa mettiti il casco e le protezioni perché stai "cadendo" in un baratro :-D

      Elimina
    2. da quando siamo tornati da 2Alpes/Salice il casco me lo metto anche per andare a letto perchè ho iniziato a fare sogni freeride, pieni di paraboliche e salti! Anche Stallo mi ha detto che è affetto dallo stesso disturbo, lui nei sogni ci pedala anche..

      Elimina
    3. E se nei sogni ci pedala troppo sono incubi?

      Elimina
  2. Aggiunta qualche foto al post, il fotografo ufficiale aveva ancora qualche cartuccia da sparare

    RispondiElimina
  3. Finalmente alle 2Alpes con tutto il vecchio gruppo al completo : è stato uno spettacolo!
    Ma non vi dico quanto mi giravano sabato sera sul divano davanti la tv con il ghiaccio sul gomito temendo di dover perdermi questa uscita.
    E invece non tutto il male vien per nuocere!
    Les 2Apes è stata una conferma, Salice una bella scoperta e sulla compagnia non importa dire più niente.
    La Freeditudine ha contagiato nuovamente Rosa che con tutta la sua Fogs e la sua smania di discese, salti, paraboliche e scapicolli ora dice "iosonoancorafreeride".

    Riflettevo...
    Mettiamoci nei panni di una persona esterna che ci conosce ma che non condivide con noi questa,forse insana, passione:

    - Ciao cosa hai fatto per le ferie?
    - sono stato alle 2Alpes a scapicollarmi in bici e mentre tornavo mi sono fermato a Salice.
    - è un bel posto Salice?
    - non lo so, ci sono andato perchè c'è un bike park!
    - Ah..
    Sei stato da altre parti?
    - Si sono stato anche sulle Dolomiti, a Canazei.
    - Bello! Ci sono stato anche io una volta. Hai fatto delle belle passeggiate a piedi nei sentieri del Cai?
    - I sentieri li ho fatti in bici.
    - Ma alcuni sono da "capre"!
    - lo so, mannaggia! A tratti mi è toccato farli con la bici in spalla.. :(
    - certo è un bell'ammattimento portare le bici in auto..
    - un po' ma eravamo solo in 2 e avevamo il porta bici.
    - Ah allora! in due con due bici e il porta bici si fa bene.
    - A dire il vero di bici ne avevamo 5! 2 ciascuno più una di scorta.
    - ........ (??????????)
    fate bene ad essere previdenti.
    - quindi quest'anno tutta montagna!
    - no sono stato anche al mare in Versilia.
    - un po' di riposo in spiaggia dalle fatiche della bici, hai fatto bene.
    - Si. Ma avevo anche la bici per andare sul Pasquilio. Una bella salita con un bel panorama e una discesa spassosissima.
    - Io sono stato a Piacenza è una bella città, ci sei mai stato?
    - una volta di passaggio a comprare una bici..
    - Ma parliamo di altro, oggi che fai?
    - lavo la bici, sai è tutta sporca.
    - e domani?
    - domani vado alla Rufina con dei miei amici a cercare una bici per uno del gruppo.
    - e il fine settimana?
    - volevamo andare verso Terni.
    - ah, alle Cascate delle Marmore?
    - si, li vicino al Parco Batteria.
    - è un nuovo parco giochi?
    - si una specie, è un bike park.
    Via ora ti saluto devo andare a cercare un tornista per fare delle boccole alla bici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi inchino e mi scompiscio!
      vi voglio bene come se foste normali!

      Elimina
  4. BRAVI BRAVI......sarei tornato anche io volentieri a les 2 alpes, sarà per la prossima volta. O magari non ci sarà un prossima volta considerando che LES GETS ci stà aspettando!!!!!
    Tanto bella Salice???? Sicuramente piu vicina......

    RispondiElimina
  5. Tanto bella Salice????

    Salice paese non lo abbiamo visto! Scherzo.
    I monti sono belli e le piste si snodano per lo più in bosco nella parte bassa. Rispetto a Les2Alpes sono più tecniche, essendo in bosco hanno più radici e sassi ma non troppi. Sono disegnate bene e quindi molto guidabili, alcune sono addirittura lunghe. Svariati salti e qualche drop da pelo sullo stomaco.
    Il divertimento è comunque assicurato.
    Poi c'è la 15, la pista più flow. L'abbiamo fatta una sola volta e questo è un peccato, ma eravamo devastati da due intensi giorni di discese.
    Posso dire con tranquillità che tra tutte le piste che ho fatto in questi anni è tra le mie preferite e se la faccio di nuovo salirà certamente la classifica dei miei gradimenti. Le curve sono spondante molto bene e i tanti tipi di salti che si alternano alle curve ben fatti. Di media pendenza è una pista che in cui si va molto forte e una volta imparata le velocità potranno solo aumentare.

    Ad una ipotetica domanda preferisci Les2Alpes o Salice mi viene in mente una sola risposta: "Vado a Les2Alpes e sulla strada di casa mi fermo a Salice"

    RispondiElimina

Per contattarci lasciate un commento al post, usate il modulo dei contatti, la posta elettronica, Instagram, Twitter, Tumblr o Facebook.