5 novembre 2012

Firenze Fango Freeride.

L'autunno, la pioggia e il fango sono un modo diverso di divertirsi facendo MTB.

Ha piovuto per vari giorni a Firenze. 
Sono onesto, quando siamo giunti alla Fattoria di Maiano per fare le discese a Firenze Freeride non ero convinto di quello che stavamo per fare.
Quando siamo scesi dalle auto e in terra era bagnato ero ancora più sicuro che le discese sarebbero state deludenti.
Alla prima risalita con il quad, e ancor più ai primi metri della Linea 1, ero sicuro che ci aspettava una mattina di patimento, fango e la certezza di cadere.
Per farla breve dopo la prima discesa e dopo essere "quasi" caduto per aver sfiorato un centimetro di legno bagnato del wallride volevo essere già a pranzo. Invece...


Anche la gomma più tassellata può diventare slick.

Invece già facendo la Linea 2 mi sono ricreduto, alla terza discesa mi stavo divertendo molto e la guida con le gomme impantanate stava diventando un gioco spassoso.

Special guest Fedora.

Già dalla quarta discesa ci siamo fatti prendere dall'esaltazione per aver trovato una validissima alternativa alle discese di sempre, ossia le discese di sempre con aderenza zero.




Tant'è che di discesa in discesa abbiamo preso gallo e una serie di rischi poco calcolati, come tutti coloro che fanno mountain bike del resto.




Insomma mi ero sbagliato. Meglio così. Anzi giuro che non dubiterò.


Puliti! Quindi credo sia stata la prima risalita.





Notare le gomme appena diventate slick.







Ed infine un pranzo a dir poco entusiasmante con ribollita (zuppa di fagioli e cavolo nero in realtà) e pappa al pomodoro servite in due bigonci di coccio che sembravano grandi, sembravano e basta perché in realtà abbiamo dovuto ricorrere chi al secondo e chi al dolce per placare l'appetito.











2 commenti:

  1. In bici la sguiscevolezza e la mancanza di controllo generalmente fanno paura ma complici le dolci pendenze di Firenze, il terreno non argilloso e un po' di euforia il fango è diventato, discesa dopo discesa, nostro amico tanto che ce lo siamo anche portato a casa appiccicato alla bici, alle scerpe e ai vestiti!
    Giornata e compagnia divertente come sempre con la presenza dello special guest Fedora che stranamente non ha rotto niente.

    RispondiElimina
  2. Infatti, secondo me Fedora ha rotto qualcosa e non ce lo dice.

    Il top della giornata è stato il pranzo, zuppa e pappa molto buone e in quantità, come piace noi.

    RispondiElimina

Per contattarci lasciate un commento al post, usate il modulo dei contatti, la posta elettronica, Instagram, Twitter, Tumblr o Facebook.