2 novembre 2012

La Tecnica secondo Stembi: uscire con il maltempo, la plastificazione.

Volete sapere la chiave di volta per fare le uscite in MTB con la pioggia?

Utilissima è la tecnica della plastificazione.
Si plastifica lo zaino con il suo copri-zaino. Per sicurezza si plastifica anche la roba che avete dentro, come attrezzi, maglie di ricambio, panini al prosciutto. Tutto ben chiuso e rivolto nelle borse del supermercato.
Il caschetto da bici quelli segaligni non importa plastificarli sono di plastica essi stessi, ma se vi portate dietro l'integrale una bella plastificazione con una borsa delle spesa è indispensabile per non trovare le imbottiture zuppe d'acqua.
Infine si plastifica il biker con un bel giubbino o l'impermeabile.
Per me vale poco poiché col k-way sudo talmente tanto che forse è meglio una scrosciata d'acqua.

Però ancora non vi ho detto l'elemento indispensabile per uscire sotto pioggia....

Plastificazione.
...la voglia incontenibile di andare in MTB!

P.S. Molti questa nostra voglia di andare contro le intemperie la considereranno come palese manifestazione di disturbi mentali.








Racconto dell'uscita di ieri sul Monte Serra.
Ieri, pioveva, non era previsto che il gruppo uscisse. La mia crisi d'astinenza da mountain bike e discese ha prevalso, verso metà mattina son dovuto andare sul Monte Serra. Mi sono plastificato tutto e sono partito. Ha piovuto e mi son bagnato ma ho dato sfogo alla mia bramosia di MTB. Ho fato le discese, mi son smotato da capo a piedi ma mi sono goduto la mia dose di emozioni forti.
L'uscita di ieri mi aperto la mente all'importanza della plastificazione, che culo eh!


In salita da Caprona verso i Cristalli per fare il Secco e Casetta.

Dopo l'adrenalina del Secco e considerando che ormai ero bagnato ho massimizzato l'uscita risalendo il Monte Serra per fare la Verruka.

Il sentiero che noi chiamiamo erroneamente Verruka è semidistrutto, tempaccio e ruspe lo hanno eliminato, ma almeno ha fatto capolino il sole.



Anche oggi un giro in MTB.



In spregio a chi doveva presidiare il posto di lavoro Fly oggi si è fatto un bel giro verso i Calanchi di Toiano godendo di una bella giornata.

7 commenti:

  1. Il solito scalmanato (impavido).....

    RispondiElimina
  2. ora sonoo a toiano sopra i calanchi....non riesco a pubblicare la foto... :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bello vero fare gli spregi a chi lavora, o comunque è sul posto di lavoro?


      si pubblicherà stasera la foto vai, l'ho ricevuta per email

      Elimina
  3. "palese manifestazione di disturbi mentali" o DIPENDENZA, come ci suggerisce il vincitore del Fofu photo challenge 2012

    RispondiElimina
  4. cosa ne dite se andiamo domani pomeriggio in bici,anche perche per domenica il tempo non promette nulla di buono,io partirei presto in base alla destinazione,anche perche ora arriva prima il buio,se viene qualcuno risentiamoci domattina...

    RispondiElimina
  5. Quarantotto km in 5 ore e mezzo. Un'uscita nella quale non mi sono fatto mancare niente dalla foratura (erano 3 anni, che gomma di M...a che ho comprato), al perdermi nel nulla nonostante il navigatore, al ritrovarmi con la strada chiusa e al dover varcare una proprietà privata. Comunque complice la bella giornata devo dire ho riscoperto il piacere (so che sono controtendenza e qualcuno rabbrividirà) il "piacere del pedalare". Quel sorriso spontaneo che nasce quando alla fine di una salita con il sole di tre-quarti ammiri la bellezza delle nostre colline. E non sei dispiaciuto per il mal di gambe ma gli sei grato per averti portato fin li!

    RispondiElimina

Per contattarci lasciate un commento al post, usate il modulo dei contatti, la posta elettronica, Instagram, Twitter, Tumblr o Facebook.