5 dicembre 2012

La Tecnica secondo Stembi: la smutandata.

Le foto delle signorine che metto sempre nei post de La Tecnica secondo Stembi oggi si prestano bene all'argomento: la smutandata. 
Molti di voi vanno in MTB inconsapevoli che la smutandata è una pratica consueta del biker di tutte le discipline, anche se nessuno ne parla.






La MTB è fatta di piaceri semplici, non solo avventure mozzafiato, paesaggi indimenticabili e tour continentali. Il biker, quello genuino, impara e sa apprezzare le piccole cose che anche la pedalata o la discesa più banali sanno dare.
Uno di questi piaceri della moutain bike è la smutandata. Tutti i ciclisti hanno provato l'emozione dello smutandamento e se tu credi di non averlo fatto allora ti invito a porre attenzione non solo al percorso che hai fatto con la tua bike, magari memorizzando la traccia sul GPS o facendo attenzione ai dossi dove puoi fare i salti più belli, ma anche a come finisce il giro stesso.





I nostri giri in MTB si concludono dopo ore di sudore, di fatiche e discese arrivando al parcheggio dove abbiamo lasciato le auto. Giunti alle macchine il passo successivo è cambiarsi. 
Spesso avviene in luoghi pubblici come piazzali e strade, oppure isolati nella campagna, ovvio che ciò dipende da dove abbiamo parcheggiato.
Questo momento di sano piacere è l'attimo in cui inizia il relax dopo lo sforzo fisico.
E' il momento in cui togliamo gli abiti sporchi e sudati e l'aria fresca ci sfiora la pelle.
In quegli attimi si avverte i primi accenni di fame e si inizia a pensare dove farsi una merenda o un lauto pasto.
Questo è il momento della smutandata, un rituale spesso snobbato ma di grande soddisfazione personale.
In realtà il termine "smutandata" non è così corretto poiché molti ciclisti le mutande sotto i pantaloncini di lycra nemmeno le portano. 
In quell'attimo in cui ci troviamo nudi tra il completo freeride e il vestiario civile godiamo del massimo della libertà, del contatto con la natura e del relax, riproviamo le emozioni del giro o delle discese appena concluse. Siamo soddisfatti di essere bikers.
Sono convinto che adesso, quando a fine giro, sudati e sudici, vi cambierete d'abito godrete pure voi del rito della smutandata.



La smutandata è adatta agli esibizionisti che provano quel qualcosa in più rispetto agli altri.
Alcuni in questo turbinio di sensazioni ed emozioni, tra fame, spossatezza, gioia ed euforia razionalizzano che la smutandata può essere un momento molto triste nel constatare che nel gruppo non c'è nemmeno una fanciulla...che si smutanda con loro.




5 commenti:

  1. Questi post iniziano ad essere strani, deliranti. Mi devo preoccupare?

    RispondiElimina
  2. no, sono come noi... ci somigliano ed in questo caso le foto non sono mai state così pertinenti all'argomento, anche se sarebbe stato bello aver avuto l'immagine di quando abbiamo scoperto la smutandata con doccia... in particolare uno di noi...

    RispondiElimina
  3. assente per finale..incastrato dal lavoro.poooorrrrrccccc.puuuutttaaannn.

    RispondiElimina
  4. Se non viene nessunaltro a ffr domattina chiamo e fisso.

    RispondiElimina
  5. Per sabato pomeriggio a FFR io passo.

    RispondiElimina

Per contattarci lasciate un commento al post, usate il modulo dei contatti, la posta elettronica, Instagram, Twitter, Tumblr o Facebook.