19 marzo 2013

Finalmente il Sole

Dopo una lunga settimana di pioggia sabato il cielo ci ha graziato con una giornata di sole davvero insperata che in pochi di noi si sono fatti scappare.
I pochi assenti, che ormai avranno le bici avvolte dalle ragnatele o ancora incrostate nell'argilla di qualche lontano giro fa, si saranno sicuramente mangiati le mani.

e al già folto gruppo si sono aggiunti anche Questionario e Damigiano.


Alla prima salita mentre qualcuno guardava il paesaggio ed altri sgonfiavano le ruote per durare più fatica qualcuno valutava invece di prendere l'autobus che però non è passato.








L'idea dell'autobus non era però per niente sbagliata perchè, a parte il fatto che quelli più debilitati dalle malattie di stagione hanno fatto la discesa in preda ai crampi, nel tratto abburronato Questionario ha rischiato di abbandonarci prematuramente cadendo giù nel dirupo.
Solo la provvidenza ha evitato il peggio mettendo un albero a fermare la caduta!
E mentre tutti noi eravamo in apprensione per l'accaduto qualcuno malignamente insinua che Damigiano vedendo l'amico rotolare giù nel burrone abbia affermato con tono di sollievo: “Meno male le chiavi del furgone ce l'ho io!”






Dopo tutte queste settimane di pioggia si temeva il fango e la sguiscevolezza ma il fondo del percorso si è confermato essere super drenante, con una tenuta impeccabile ed il divertimento è stato quello di sempre.
La discesa delle Cannicciaie è proprio bella, più  la faccio e più mi piace (Stembi la prossima volta mettiamoci, però, un po' di moderazione perchè alla fine ci si schianta su qualche albero!)
Un'altra conferma è arrivata dalle gomme Onza: non sono proprio adatte ai nostri giri!
Doppia stallonatura per Flash che dopo le numerosi forature di qualche trasferta fa credo mediterà di sostituirle con qualcosa di più robusto.





 Sorprendente invece l'evoluzione di Questionario che dopo aver fatto esperienza sulle piste di FFR,  ha affrontato con disinvoltura tutti i passaggi tecnici della discesa. 



E dopo le fatiche della salita e l'adrenalina della  discesa come sempre il gratificante pranzo a concludere una splendida giornata.
Niente ristorante questa volta ma un panino con prosciutto toscano semistagionato e pecorino che era la fine del mondo come ben testimonia la soddisfazione di Stembi.



Fly come sempre ha voluto esagerare!


E sperando in  un'altra giornata come questa Barcollo, sul ritorno, già pensava alla traccia della prossima uscita!

4 commenti:

  1. Bella giornata, belle foto, bel post! Sabato sera non camminavo dal dolore alla caviglia per il crack rimediato al primo salto! dopo tanto ghiaccio e voltaren ora sono quasi a posto!

    RispondiElimina
  2. Tutto bello tranne l'ultima foto......CHE SCHIFO D'OMO!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Complimenti a Stallo per il resoconto! .. è stata veramente una bellissima giornata, io me la sono goduta molto di più della prima uscita alla Sugera .. nonostante le cadute da fermo (ma la colpa è dei pedali nuovi :))
    ... se qualcuno sta facendo un filmato io ho delle scene di un branco di disperati quasi travolti dalla piena del piccolo ruscello :)
    grazie ancora e che dire ... alla prossima!

    RispondiElimina
  4. Stallo per questa volta ti perdono con quel viso che mi ritrovo ci mancava la foto con gli occhiali per rendermi ancora più ridicolo.

    RispondiElimina

Per contattarci lasciate un commento al post, usate il modulo dei contatti, la posta elettronica, Instagram, Twitter, Tumblr o Facebook.