29 novembre 2013

Sabato scorso.

Non abbiamo ancora deciso cosa fare questo fine settimana, l'ipotesi più accreditata è una degustazione di distillati la mattina e subito dopo in MTB belli caldi!



In attesa di decidere vi racconto di sabato scorso.
Giornata ventilata alle Cannicciaie, un vento ghiaccio ci ha accompagnato per tutta la salita dandoci il benvenuto per quella che sarà la stagione fredda, ossia il periodo dell'anno in cui tutti i bikers, quelli veri, escono comunque a farsi il loro giro del fine settimana ma che poi tra se e se si chiedono: "ma che cavolo ci vado a fare in bici con 'sto freddo!"





Il sentiero delle Cannicciaie è sempre stato bello, ma stavolta meno. A dire il vero è stato risistemato, soprattutto i salti, purtroppo vento e pioggia sono più efficienti nella distruzione di quanto siano i biker nella manutenzione.

Il mal tempo ha fatto cadere qualche albero di troppo, i soliti rami che si incastrano tra i raggi, un monte di foglie, belle con questi colori caldi dll'autunno, ma bastarde perchè non vedi dove metti le ruote.


Dalle foto qualcuno potrebbe asserire che siamo andati in cima al sentiero a vendere i caschi a quegli incoscienti che si avventurano tra aspre discese, adesso che lo scrivo mi pare anche una buona idea, pungolare i bikers con la sicurezza proprio un attimo prima della discesa credo possa fruttare buoni affari.


Invece i caschi erano per noi. E sono serviti. 
Le foglie, i rami, i ceppi di albero o la sfiga, hanno propinato un front flip, non sono caduto io come di consueto, ma un nostro compagno di discese che rialzatosi subito e con agilità a dispetto dell'età, ha anche sgalluzzatto proferendo:
"Et voilà!Les jeux sont faits!Rien ne và plus" oppure "maremma impestata che volo e c'ho battuto anche una ghignata". Non ricordo bene ma era una delle due frasi.


Insomma, ancora non abbiamo deciso per questo week end. 
I distillati però potrebbero essere una bella idea.



6 commenti:

  1. nonostante l'età! è stato senz'altro un giro bello, nel senso bello FATICOSO! la salita asfaltata è in ogni caso impegnativa, poi mettici la sabbia nel movimento centrale e due caschi...

    RispondiElimina
  2. Nonostante l'età e la ghignata (non sono stati usati francesismi…) vorrei dire che mi son divertito lo stesso ma la salita contro un vento polare e la discesa "a mosca cieca" stile "telaio su telaio" conseguente il front flip non ha ricompensato la sofferenza della salita :((

    RispondiElimina
  3. Oh! meno male che ogni tanto casca anche il TAZ!!! un pò di par condicio...

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.