28 dicembre 2016

Vigilia di Natale a Rincine.

Il sabato è dedicato alla MTB e quindi anche il 24 dicembre non ha fatto eccezione.

Rincine, posto bellissimo, sentieri fantastici e il furgone faceva le salite al posto nostro.



21 dicembre 2016

Winter riding


via Instagram http://ift.tt/2hqTq38

La verità è che abbiamo scattato la foto la scorsa estate nel giorno di apertura del bike park di Les2Alpes.

27 novembre 2016

Rassegna video: Finale Ligure e Roveta

Portarsi la GoPro dietro quando siamo in mountain bike è facile, lo fanno tutti.
Molto più impegnativo è trovare la voglia di passare in rassegna tutti i filmati e fare un bell'editing video delle nostre avventure in MTB.

La scorsa settimana eravamo a Finale Ligure e ieri in Roveta, quindi ci voleva una fruttuosa giornata davanti a PC e MAC , risultato....4 video STREPITOSI.










13 novembre 2016

E-Bike?


Doveva succedere, prima o poi qualcuno avrebbe osato provare una e-bike. 







Sono a San Michele che aspetto i miei amici, con la mia enduro in manutenzione, mi accompagnerà sui sentieri della Roveta una stumpjumper '26 con qualche anno sul telaio.
A dire il vero sulla stumpjumper ho già fatto qualche giro e mi sono divertito un sacco a guidarla, velocissima e agile sullo stretto, è perfetta per mettersi alla prova, invece ho messo alla prova io lei. Vi racconterò...

10 ottobre 2016

MTB: perchè ottobre è il mese più deprimente.





Andare in mountain bike è sempre bello quindi perché ci dovrebbe essere un mese o un periodo brutto o deprimente?
Semplicemente perché con settembre la maggior parte dei bike park chiudono e con loro ha termine il divertimento della sola discesa senza quella piaga della salita.
Perché per tornare a fare i salti "grossi" devo aspettare che aprano di nuovo i bike park a giugno oppure buttarmi con la bici dal terrazzo. Che se uno guarda la Rampage crede addirittura che si possa fare.

25 agosto 2016

Doganaccia.

Questo fine settimana un bel giro alla Doganaccia e una merenda (=pranzo) sul Lago Scaffaiolo non ce lo toglie nessuno e poi ci saranno delle discese belle toste da affrontare...




18 luglio 2016

Les Gets, Morzine.

Un breve resoconto con foto e video.

Dopo Les2Alpes non potevamo fermarci e quindi abbiamo continuato il nostro tour estivo di bike park con Les Gets e Morzine, poi una breve occhiata a Chatel.




Appena arrivati sono apparse ai nostri occhi le strutture costruite per il Crankworx, ovviamente non le abbiamo fatte, se dai video su internet sembrano roba grossa dal vivo sembra impossibile che servano per andarci in bici e comunque noi eravamo appena usciti da una strabuzzata per pranzo e i salti dopo mangiato non si fanno.




Comunque non ci siamo fatti mancare le emozioni.
Subito il primo giorno, venerdì, abbiamo testato le piste per vedere come tenevano e le condizioni in cui erano.




Ovviamente i più meticolosi di noi hanno preferito controllare da vicino alle piste.
A mio parere le pisteerano polverose ma per il resto andavano bene, sopratutto il grip.




Altri hanno notato che il terreno era duro e compatto. Ovvio che ad avvicinarsi troppo non si sa mai cosa può succedere, non sia mai che si rompa il manubrio.




Ma un manubrio rotto si aggiusta in tre secondi anche con mezzi di fortuna, basta avere gli amici svegli, intraprendenti e di buona fantasia. La riparazione ha funzionato benissimo e ci è valsa pure una telefonata di congratulazioni da Mac Gyver.




Per le maglie sbrindellate però non siamo riusciti a trovare ago e filo, né sulle piste, né in bosco.






Il secondo giorno, sabato, siamo generalmente più fortunati, che a dire il vero ci vuol poco ad essere più fortunati del nostro venerdì, quindi ci siamo anche divertiti, come sulla Pleney, la pista da DH di Morzine bella cazzuta.




Il massimo dello spasso è stato sulle piste più flow dove ci siamo lasciati andare, abbiamo mollato i freni e dedicati ai salti.
Noterete che nelle foto abbiamo sempre il casco, pure in seggiovia in barba alle alte temperature, questo vostro quesito ha due risposte logiche:
1. nelle foto con il casco veniamo meglio
2. in sostituzione dei capelli usiamo il casco per proteggerci dal sole




Ovviamente non sono mancati momenti comici...








Infine mai dimenticare il momento del ristoro, con strafogata di cibo e birra per recuperare energie e simpatia.




Qualche parola sui bike park.

Les Gets è una meta quasi obbligata della mountain bike e vale proprio la pena andarci, inoltre fa parte del Portes du Soleil che raccoglie ben 12 stazioni alcune delle quali sono Les Gets, Morzine, Chatel, Champery ecc e tutte sono collegate più o meno bene tra loro, quindi una vacanza con la MTB è puro divertimento per ogni tipo di biker, dal principiante al super esperto, basta vedere i video sul web per capire che ci sono piste, trail, salti e strutture per tutti i gusti. Quindi andate, provate e divertitevi. Vi lascio alle ultime foto e al video...












6 luglio 2016

Les2Alpes. Finalmente l'estate e i bike parks.

ATTENZIONE. Il post è lungo e a tratti noioso; le foto sono belle ma forse troppe; in fondo alla pagina c'è pure un video, lungo con i soliti cinque visi per niente belli ma per fortuna coperti da caschi integrali sgargianti e nemmeno una fia; tante battute, risate e scherzi sono comprensibili solo a noi quindi se proprio volete leggere integralmente il post, ammirare tutte le immagini e addormentarvi sul video... beh io vi sto avvisando.


Sabato 18 e domenica 19 giugno siamo stati a Les2Alpes. Come ogni anno, arriva l'estate e noi partiamo per i bike parks.

A questo punto state già guardando la foto seguente e pensando che scrivo un'esagerazione di stupidaggini. Il vostro pensiero non si discosta molto dalla verità sulle stupidaggini che scrivo ma stavolta vi giuro che la foto è del 18 giugno 2016 e si c'era la neve! Anche io ho pensato che forse erano più appropriati gli sci della bici!

Ormai avevamo programmato il fine settimana in MTB a fare gli scapestrati e così in barba al meteo siamo stati a les2Alpes.







Quindi trovare la neve è stata una sorpresa e pensare che eravamo partiti da casa con il bel tempo e l'entusiasmo ad livelli altissimi, soprattutto per la nostra crescente abilità nel caricare la macchina con cinque mountain bikes, cinque bikers e valige strabordanti di attrezzatura, abbigliamento tecnico e futilità varie.

Anzi non cercate nemmeno di imitarci la tecnica di carico, sono cose da arrangioni professionisti di lungo corso.







Il viaggio è stato lungo e la fame si è fatta sentire, ovviamente uno spuntino veloce è l'ideale per macinare km così ci siamo fermati in un posto da maiali, giusto per mangiare due cose e bere un paio di birre che fanno sempre bene.







Arrivati a Les2Alpes siamo subito andati in camera, l'hotel era una favola, posto accogliente, camera enorme che può ospitare comodamente cinque casinisti che invano cercano di mettere tutto in disordine, inoltre la colazione è molto abbondante.
Non c'è  niente da fare, il massimo del godimento è fare le discese con una indigestione in atto.






La prima mattina, dormivo benessimo, una di quelle dormite che rigenera, che stai così bene che mentre dormi ti viene da sognare che erano anni che non dormivi così, quando Taz ci ha tirato giù dal letto per informarci che era tardi e che a breve sarebbero state addirittura le 7.00.

Una volta sveglio e messo da parte odio e vendetta per il mio carissimo amico, mi sono precipitato a fare colazione mangiando tanto e di fretta come consigliano a chi deve affrontare una giornata di sport.









Un fine settimana per tutti i gusti, un meteo che ci ha regalato dal sole alla pioggia e qualche fiocco di neve, piste favolose, da quelle super lisce spondate, piene di salti e con tanto grip a quelle cazzute, ripide, motose, viscide e ingannevoli con sassi e radici umide. e i burroni che ti strizzavano l'occhio in caso di scarsa aderenza.

Comunque il bello della mountain bike è poterla condividere con gli amici, i miei sono quelli nelle foto qua sotto. Belli eh?

Finite di vedere le foto, gustatevi il video, nel frattempo vado a preparare la borsa che questo fine settimana andiamo a Les Gets - Morzine.


























5 giugno 2016

Scogli di Calafuria.

Risalita

Una foto pubblicata da @francescoprosperi in data:

17 maggio 2016

Weekend Video Calafuria

Sabato scorso eravamo in mountain bike a Calafuria. 
La zona ancora non ci è venuta a noia, tutt'altro, abbiamo inserito delle novità.

Novità sui sentieri, oltre a Canyon e Ristorante abbiamo provato il Maroccone.

Novità nel gruppo, stavolta il numero è salito e speriamo salga ancora, in genere più siamo e più ci si diverte. Astenersi esaltati della pedalata in salita, no vegani a causa del pranzo e vietati i babbuzzi (cit.).

Novità nel pranzo, l'innovazione degli ottimi e croccanti panini dignitosamente farciti e birra a volontà funziona così bene che sta diventando tradizione, sabato abbiamo continuato con questa nuova e bella abitudine ma abbiamo pranzato con vista...Guardate la foto sotto.
La goduria di mangiare e bere in compagnia dopo essersi commossi sui sentieri di Calafuria è indescrivibile, ma siccome è anche facile a farsi io vi suggerisco di copiarci l'idea e provare voi stessi.




Ecco i video, il secondo segue la tendenza dei Weekend Video ossia sentieri integrali, audio al naturale e montaggio al minimo, il primo è una chicca perchè al naturale siamo noi!








6 maggio 2016

Monte Morello e Roveta.

Bello il venerdì, vero?

Infatti dopo una settimana in attesa dei due giorni di festa, arriviamo al venerdì e le chat di Whatsapp si infiammano con programmi, proposte ed entusiasmanti scenari per la MTB.







Il programma per il nostro fine settimana è fatto!

Domani sul Morello per un percorso inedito per noi, anche se le discese le abbiamo fatte già tutte, possiamo dire che gli ingredienti sono gli stessi, ma vediamo se vengono più buoni cucinati in modo diverso.





Domenica si ripropone l'innovazione che funziona, e quindi sta diventando una tradizione: la sveltina in Roveta.

Qualcuno penserà che siano coinvolte delle donne disponibili per un breve lasso di tempo, da qui sveltina, purtroppo no, magari, ma se fosse non ve ne parlerei.

La sveltina in Roveta è un giro per il quale si parte presto, si sale e si scende velocissimi, e si torna a casa presto con la domenica tutta libera: un giro completo, veloce e di godimento. Giusto in tempo per la seconda colazione.