25 luglio 2011

La Tecnica secondo Stembi: scegliere la taglia.


Lei ha la taglia giusta.
Dopo aver trattato lo stem o attacco manubrio ed aver riscosso un enorme successo con questo post(?),  mi sento obbligato a fare un passo indietro ed illuminare il mondo della montainbike su come scegliere la taglia della bici anzi del telaio. Comprendo che arrivo in ritardo poiché tutti ormai avete la MTB, diciamo vi servirà per scegliere la prossima.

Ho esplorato il web per voi cercando di elevare ai massimi livelli la mia cultura in merito ai telai ed ho scoperto che quello che sapevo io era già sufficiente. Quando si dice che uno nasce imparato.

Il giorno in cui approcciai l’universo ciclistico della MTB l’esperto di telai misure ecc non era il biomeccanico, ancora faccio difficoltà a trovarne uno, ma era il venditore, anzi venditrice, che regolarmente aveva a disposizione quella giusta per te: “a te va bene questa è una M, se ti piace di più quell’altro modello, che è da professionisti, guarda ho la S che ti va bene perchè questa azienda le fa più grosse le taglie, invece quello li con tutto il gruppo XT è una L ma ti va bene anche quella”
Insomma mi andavano bene tutte bastava che comprassi qualcosa.


Invece a suon di scrivere questi post e soprattutto a documentarmi apprendo che nello scegliere il telaio è importantissimo sapere due misure fondamentali: la distanza della sella dal manubrio e la lunghezza del tubo dove ci infila la sella. E poi c’è lo sloping che il rapporto tra la distanza tra sella e manubrio e la lunghezza del piantone della sella, in altre parole l’inclinazione della canna della bicicletta. La canna della bicicletta è quella dove vostro nonno metteva a cavalcioni le fie a su’ tempi, il mio diceva:”eh quante figliuole c’ho montato su questa canna”, ma ho sempre avuto il dubbio che fosse la bicicletta il soggetto della frase.

Adesso come si procede. Si prendono le nostre misure antropometriche, belle queste parole, altezza, lunghezza braccia, lunghezza gambe al cavallo ecc, secondo calcoli astrusissimi che nemmeno ho capito si rapportano alle misure del telaio, canotto, piantone, sloping, lunghezza interasse ecc e si mescola il tutto amalgamando bene in base alla disciplina che si vuol intraprendere, XC, AM, ENDURO, FR e DH ed ecco fatto, il risultato è la vostra taglia di telaio. Se, come me, non vi ci raccapezzate tanto mandate a quel paese il biomeccanico, che tanto non esiste e non può essere permaloso, vi connettete ad internet, andate sul sito della marca di biciclette che volete acquistare e li c’è sempre un tutorial che in 3 secondi vi calcola il telaio che vi serve. Altrimenti c’è il metodo Stembi, il seguente.

La taglia giusta per voi è la M.

Chi viene sempre preso in giro perchè è una mezza calzetta o un tappo forse ha bisogno della S.

Se vi chiamano omone, pennellone o sedanone la tua taglia è una L.

Se nutri dei dubbi sul fatto che ti serva una XL o XXL allora lascia perdere la bicicletta che sicuramente pesi più di un quintale e farai una fatica del diavolo e fai un altro sport: il gioco del ponte a Pisa, il calcio fiorentino, sumo, basket e lancio del peso. 
Se oltre ad essere grosso sei anche scemo hai il curriculum perfetto del buttafuori.